Letture: “Il ritorno dei Berserker” di Pietro Ferruzzi

51hv06jw29l
link acquisto Amazon®

Trama: Cosa succede quando gli Dei si intromettono nella vita dei mortali?
Quali sconvolgimenti possono portare nei loro fragili regni e quali aiuti per migliorare le loro esistenze?
La Dea Aetherea sta chiamando a raccolta i suoi vassalli che saranno inviati in lungo e in largo per le terre di Oppas alla ricerca di piccoli tasselli, utili per completare un disegno più grande e salvare le razze dallo sterminio.
Il malvagio Voden invia i suoi berserker per abolire la libertà e stabilire il suo predominio.
Cosa possono fare i mortali contro il volere degli Dei? Quanto le loro libere scelte influenzeranno il risultato nello scontro finale?

 


Le mie impressioni: 4/5  ★★★★☆

Un fantasy dal tono classico, medievale. L’incontro tra uomini e razze perdute, nemici o alleati; l’incontro con gli Dèi, fautori o distruttori della vita. Il romanzo raccoglie dal collaudato e plasma il nuovo, è funzionale al proprio genere, senza sforzo.

Il passato medievale è ambiente di scontri, forze dimenticate, alleanze; e al centro il nemico comune un Dio che controlla la volontà dei Berserker e la loro forza distruttiva. Ma il nemico è davvero quello? Il libro fa riflettere: non sono forse le debolezze umane, i suoi alleati e i rimpianti ad essere i peggiori nemici? Una scrittura profonda, tra le righe, che in parte lo rivela.

Il movimento all’interno della storia è fenomenale: personaggi e vicende si snodano nello scorrere di luoghi e vicende, il passato torna nel momento giusto, ma non come una forzatura. I meccanismi della trama offrono quanto di più adatto al fantasy e lo fanno senza scadere, senza esagerare o nel troppo epico da apparire assurdo. I personaggi sono deboli (in senso buono) crescono e sono realistici proprio per questo motivo, non troverete chi risolve un problema solo perché è destinato a compierlo come protagonista.

Lo stile dell’autore merita attenzione. Descrizioni dettagliate ma senza soffocare l’azione, dialoghi non banali che attribuiscono ad ogni personaggio la giusta personalità senza esagerare, un intreccio ragionato alla perfezione. Il cuore delle azioni e le scene tengono incollati alla pagina, i sentimenti si rivelano nelle giuste dosi, gli eventi secondari si agganciano fino all’azione finale in modo da rendere credibili i colpi di scena. Nulla è lasciato al caso e la storia resta ‘in tiro’ dalle parti iniziali fino all’epilogo. Un romanzo che merita di essere letto.

Leggere Pietro Ferruzzi è viaggiare, soffrire e battersi con i suoi personaggi. È scoprire un mondo mai banale spiegato con nomi, fatti, scoperte, a volte parecchio sangue, ma dannatamente reale.

Consigliato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s